Io sull’istituzione della Nuova Pescara farei una trattativa e chiederei il tempo che occorre purché ci sia sincerità nella condotta. Non mi spaventano i tempi, ma la palude. Trattiamo e operiamo e individuiamo un commissario che diventi una funzione e un’infrastruttura di ausilio e di aiuto perché il rischio è quello, nelle Commissioni e nei Consigli Comunali, di perdere tempo.

Per fare in modo che ci sia una cantieristica produttiva tra Commissioni e Consigli insediamo un Commissario affiancatore che istruisca e collabori, sapendo che la fatica più difficile non è quella dello Statuto, ma quella del programma di fusione fra le Amministrazioni.

Sono stato sollecitato per fare in modo che emergano anche convenienze economiche che oggi non sono contemplate nell’Ordinamento e per pensare strategico la prossima settimana completeremo il lavoro iniziato dal M5S (che sulla Nuova Pescara aveva interpellato i ministro Lamorgese e Carfagna) per risolvere il problema dalle assenze da lavoro per lavorare nelle Commissioni della Nuova Pescara e stabiliremo numeri più chiari per le convenienze economiche nascendo la Nuova Pescara, ma occorre un pensiero politico metropolitano e su questo a primavera verranno a Pescara il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il sindaco di Malmoe (città riferimento del Nord Europa) per parlare su quanto vale una città riferimento non solo dell’Adriatico, ma anche catalizzatore dei fondi del Pnrr.


Dal quotidiano Il Messagero

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>