Conte ha saputo parlamentarizzare la crisi di Governo, precisando le incompatibilità e i conflitti di interessi politici ed istituzionali. Il contratto di governo è stato inefficace poiché è emerso l’interesse verso la convenienza di parte, evidenziato con fermezza financo accademica da Giuseppe Conte.

Oggi si è capito il numero di forzature che il governo ha dovuto legittimare, il Parlamento sopportare e il futuro degli italiani patire. Durante il dibattito parlamentare è stato detto a chiarissime lettere che il ministero dell’Interno e’ stato usato prevalentemente per realizzare consenso elettorale, ovvero convenienza di parte, azzerando l’elevatissimo profilo istituzionale del Viminale, omettendo fondamentali e dovute collaborazioni istituzionali, evitando ogni riscontro anche alla Commissione Antimafia, come ha lamentato in Aula anche Il Presidente Nicola Morra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>