🔴 Non si è credibili se, avendo una montagna di risorse che non si appaltano, ci si presenta col cappello in mano per avere ulteriori risorse soltanto per poter rivendicare qualche millimetro di merito: un’amministrazione che deve procedere a realizzare infrastrutture deve sapere esattamente quali risorse ha in dotazione.
Ci sono 32 milioni di euro per il porto di Pescara e 69 milioni di euro per il porto di Ortona, risorse conseguite dalla Regione che io ho governato attraverso il Masterplan da una parte e la delibera Cipe del 28 febbraio 2018 dall’altra. Le risorse aggiuntive di cui si è parlato in questi giorni, cioè i 22 milioni in più per Pescara e i sei per Ortona sono risorse aggiuntive soltanto richieste.

Bisogna, inoltre, evitare l’alcolismo che ha portato la giunta regionale, nei giorni scorsi, a ritenere come opportuna una delibera che sospende, cioè revoca, le risorse assegnate con il Masterplan per i principali obiettivi strategici della regione. Non è possibile sostenere che una revoca con la dicitura di temporaneo significhi una revoca innocua. Tutti sanno che se si tolgono risorse finanziarie non si può proseguire nell’attività amministrativa. Significa perdere anni di tempo, non giorni, come hanno provato a rivendicare coloro i quali si sono macchiati di quella responsabilità. Mai mi sarei sognato di de-finanziare.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>