«La situazione in A14 non è più sostenibile.
La società concessionaria Autostrade per l’Italia deve risolverla quanto prima.
Non sono accettabili, come è stato paventato, ancora sei mesi per ripristinare la normale viabilità del tratto tra Porto Sant’Elpidio e Pescara. Per questo abbiamo depositato una nuova interrogazione urgente alla Ministra De Micheli per chiedere di ripristinare la regolare funzionalità dell’arteria e per accelerare i tempi di adeguamento concordati con Autostrade.
Non è in corso soltanto la paralisi dell’A14, la seconda dorsale nord-sud più importante del Paese, ma le ricadute sul traffico locale, dalla statale adriatica alle strade provinciali, sono insostenibili, sia per i comuni interessati sia per le attività economiche e commerciali, per le imprese, per le condizioni ambientali e di inquinamento. Marche e Abruzzo, mentre fronteggiano le enormi difficoltà legate al sisma, rischiano un colpo durissimo al turismo, uno dei principali asset delle due Regioni, con un danno incalcolabile a poche settimane dall’avvio delle stagioni primaverile ed estiva e la principale arteria che attraversa questi territori di fatto impraticabile», dichiarano i senatori Francesco Verducci e Luciano D’Alfonso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>